domenica 6 dicembre 2009

E' arrivato il pandolce !


Come promesso a Enrico Lefrancbuveur che mi ha ripreso per i post troppo lunghi , ecco un post brevissimo . Lo dedico anche a Paolo che più di un mese fa , quando eravamo ancora in maglietta ed infradito mi ha chiesto la ricetta del pandolce . Gli avevo risposto di pazientare e che al passaggio della prima renna , lo avrei accontentato ……
Auguri di buone feste ! questi sono i primi , ne arriveranno altri ….

Pandolce Antica Genova


550 gr farina manitoba
200 gr farina 00
550 gr uvetta
250 gr zucchero
225 gr burro
150 gr acqua
75 gr latte
130 gr scorzette d’arancia
120 gr cedro candito
50 gr pinoli
5 gr semi di anice
2 gr acqua di fiori d’arancio
10 gr lievito chimico
Amalgamare zucchero , burro e aromi. Aggiungere le farine , il lievito , il latte e l’acqua. Impastare ed unire la frutta candita . Dividere la pasta in due pezzi . Tornirli ed adagiarli sulla teglia .
Lasciare riposare 10’ e infornare a 180° per 70’.
Ricetta di Francesco Crocco della Pasticceria Poldo di Genova Pontedecimo


16 commenti:

Babs ha detto...

dire ad enrico che la lunghezza del post dipende dall'entusiasmo dell'autrice???????? i tuoi racconti sono bellissimi così come sono!
baci
babs

paola ha detto...

Queste prime renne portano davvero delle bellissime ricettine!!
Prima o poi mi cimenterò anche io con il pandolce....per ora archivio la tua ricetta!
Buon week end
Paola

Chiara ha detto...

@Babs : hai ragione ! ero tutta gasata dal weekend del cavolo :-)
Buona domenica .
@ paola :provala , è veramente semplicissima . Poi mi racconti , a viva voce però !
Al the della signore ..... :)))))

Patrizia (melagranata) ha detto...

Chiara che belli! Devono essere profumatissimi..ho copiato la ricetta! Grazie!
Se ti va da me c'è una piccola raccolta (senza premi o vincitori) di Natale! Ciao e a presto
Patrizia

evelyne ha detto...

bellissima... io aspettavo la ricetta del panettone ma direi che per un anno si può anche variare!! vada per il pandolce genovese!!

VALENTINA "cuoca" PER PASSIONE ha detto...

Quest'anno anch'io mi ero imposta di fare il panettone.. ma mi sa che posso rimandare di un altro anno,,, mi unisco ad evelyne!!! complienti per tutto vale

san bernardo ha detto...

Mi garba..la voglio provaree. Svelami però l'arcano,anzi ,gli arcani farina Manitoba + farina 00 e lievito chimico . Poichè 'Manitoba' è un marchio ed io ho trovata sia la 00 che l'altra come mi devo comportare ? Per il lievito,devo scomodare Dario ? oppure il Bertolini bustina verde o il Belbake della Lidl vanno altrettanto bene ?

san bernardo ha detto...

Nelle foto entrando a dx meglio nella seconda e nella terza (tavole imbandite) cosa c'è nel barattolino con coperchio ?

Anonimo ha detto...

grazie cara per la ricetta!!!!!
in casa ora ho il lievito madre che si moltiplica all'esponenziale... sono ben accette ricette di pane o altro con questo tipo di lievito, prima che prenda il sopravvento e imglobi me e tutti i mobili della mia casa....
grazie ancora
paolo

salamander ha detto...

ciao chiara! ottimo!
senti un po', ma........il panettone no? ce la dai la ricetta anche di quello?
daaaaaaaaiiii!!!
grassie!
:-)

ps: hai ricevuto la mia mail? spero di non aver fatto pasticci perchè l'ho mandata all'indirizzo del b&b missà...

cecilia ha detto...

Ciao Chiaretta, buono questo pane dolce, è la passione del mio babbo, che lo compra confezionato della marca Grondona (mi pare). glielo farò sicuramente! Baci Cecilia Fiorentina!

Chiara ha detto...

@Patrizia : ciao ! avevo visto la tua raccolta, ma ero di fretta , ora vado a rileggerla con più calma . Grazie .
@evelyne : hai ragione , spero di essere ancora in tempo , ma nel caso , passeremo alle colombe :-)
@Valentina : questo lo fai in 5 '! Non è proprio il panettone "sofficioso" ma è molto buono.
@Livio : Manitoba , non è un marchio ma il nome della provincia, dove viene coltivato questo tipo particolare di grano americano.E' una farina è più ricca di glutine e povera di amidi della farina 00.Il lievito Bertolini per dolci va benissimo .Ciaoooo !
@Paolo : Ciao ! anche io ho lo stesso "problema " . Il magnifico lievito madre che mi ha regalato evelyne , gode di ottima salute !
Ora vado a fare il panettone , appena è pronto lo pubblico .
@salamander : ...stessa promessa di evelyne , stessa risposta :-) scusatemi !Sono in ritardissimo , con i panettoni ...e con le promesse . Un bacio
@Cecilia : che piacere la tua visita ! fallo , il pandolce , vedrai che il tuo sarà senz'altro più buono . Un abbraccio .

lefrancbuveur ha detto...

...e ora ti riprendo perchè è sbagliato il link col mio sito...:))
ciao

E.

salamander ha detto...

sappiamo che sei stata impegnatissima!
riposati un pochino...per il panettone c'è tempo :-) e semai faremo la colomba!

simonapinto ha detto...

Chiara, sono una delizia! brava brava! che lavorone....un abbraccio

san bernardo ha detto...

Chiara e Salamander....ma l'impasto non è lo stesso ? Cambia solo la forma della padella....:-) per il lievito Berto... uso quello da salati...che differenza c'è ? E'o non è lo stesso genere di porcheria 'chimica'.....Dario....urge una lezione sul lievito in polvere....grazie !