venerdì 9 luglio 2010

...andrei a piedi certamente a Bologna....


A piedi , no , ma parecchie ore di....trenitalia per un bel gruppetto di amici ....
Tutto è iniziato così:
“Voglio raccontarvi la mia "gita" di oggi....con le mie amiche abbiamo preso il trenino della Porrettana , siamo scese a Ponte della Venturina , abbiamo fatto 3 minuti a piedi e siamo state a pranzo in uno dei miei posti preferiti al momento (Caciosteria Due Ponti). Delizioso pranzo: stracciatella di burrata e balsamico, cacio e pepe, gran piatto di verdure, tortino caldo al cioccolato...... Materie prime di primissima qualità (i gestori sono affinatori da anni di formaggi e lavorano in collaborazione con una azienda locale che produce carni ed affettati bio-i signori Savigni). Insomma, una bella giornata!(e poi andare a pranzo in treno è divertente!) Vorrei portarvici prima o poi, lo metto nel nostro elenco chilometrico di belle cose da fare insieme!
Un abbraccio.
Questa è Emanuela , e questo , è Davide :
Allora, tutti a Pavana il 4 luglio !!!
S'arriva di mattina, si fanno spese di macelleria, ci si ingozza all'osteria, ci si stravacca al fiume (ce ne sono ben 2, il Reno e il Limentra, che confluiscono proprio a Ponte della Venturina), ci si fan fotografie e si riparte.
Ponte della Venturina tra l'altro è proprio sul confine Emilia-Toscana, cosa che rende ancor più divertente trovarsi lì, noi che si viene da entrambe le regioni. Il Ponte è quello sul fiume Reno, che segna il confine; di qua dal ponte, Ponte della Venturina (Emilia), di là dal ponte (circa 10 metri), Pavana (Toscana)
Insomma , ce l'abbiamo fatta , a parte 2 illustissimi assenti ….Davide , proprio lui “quello” della regione limitrofa , e Livio ,il number one del forum dove ci siamo conosciuti tutti , domenica mattina , ci siamo ritrovati alla stazione di Pistoia , pronti per il trenino della Porettana .
I più arrivavano da Firenze , Marcella e Giorgio , da Arezzo . Emanuela di Pistoia , mi ospita dalla sera prima ….......sono la pazzerella che arriva da più lontano . C'era qualcuno che per un amico andava a piedi fino a Bologna ...no ?
Non perdiamo tempo , appena salite sul trenino serie e rispettabili signore di età variabile , ma tutte sopra le venti primavere eh eh eh ! ….....si trasformano in scatenate liceali in gita scolastica . Inizia la battaglia delle foto , ci scattiamo a vicenda , raffiche di foto , ogni tanto una voce ci ricorda di guardare il panorama , ma come ha detto Letizia ...... e se si fosse viaggiato in un container , sarebbe stato uguale ...nessuna si è potuta distrarre per guardare fuori ...troppo da chiacchierare!
Appena scese dal treno , siamo subito andate a fare dei danni in un negozio di casalinghi , tutte siamo uscite con con un “giocattolo”.
Ed eccoci alla Caciosteria , un posto carino , su ogni tavolo un centrotavola diverso : cipolle , sacchetti di riso , un cavolo ,ciotole di pepe in grani , pacchi di pasta ecc. All'arrivo dei piatti , ci accorgiamo che non è solo un posto carino , ma che le materie prime utilizzate , i sapori , i profumi , l'attenzione nell'esecuzione e nella presentazione , danno pienamente ragione ad Emanuela.
Abbiamo gustato formaggi , salumi , crostini , gnudi , tortelli , una monumentale fiorntina , dessert strepitosi , chiacchiere , sorrisi , battute , risate . Non ci siamo fatte mancare nulla , anche il viaggio di ritorno , è stato piacevole come pure la promessa di cercare di stare ancora insieme al più presto .





































































































































E visto che è un food blog , ecco anche le foto della cenetta che mi ha preparato Emanuela alla sera del mio arrivo , e la parmigiana che ho fatto al mio ritorno a casa , utilizzando un pecorino da urlo , acquistato insieme ad altre delizie alla Caciosteria .

Parmigiana a modo mio
1 melanzana grande
500 gr pomodori cuore di bue
1 cipolla di tropea
50 gr pecorino
basilico
olio evo
Tagliare a fette di circa 1 cm le melanzane . Cuocerle al microonde per 5' . Grigliarle su una bistecchiera appena unta per 2/3 minuti per parte .
Togliere i semi e la buccia dei pomodori e tagliarli a cubetti . Soffriggere dolcemente la cipolla tagliata sottile , in due cucchiai di olio . Unire i pomodori e cuocere velocemente a fiamma alta mescolando spesso . Salare ed aggiungere il basilico spezzettato a mano.
Disporre uno strato di melanzane , uno di pomodoro , spolverizzare con abbondante pecorino grattugiato e ripetere uno secondo strato con gli stessi ingredienti . Cuocere in forno caldo a 180° per circa 30' .
Dicevo , parmigiana a modo mio , perchè forse non è neppure una lontana parente , ma dopo un pranzo alla Caciosteria , mi sono ispirata alla parmigiana per utilizzare nel modo più “dietetico” possibile parte del bottino .
Melanzane non fritte , salsa di pomodoro con pochissimo olio , niente mozzarella , ma l'eccellente pecorino ha dato gusto e sapore alla mia “parmigiana”, senza condirla con ulteriori sensi di colpa .




9 commenti:

Aglaia ha detto...

mi fa così piacere sentirti serena e sapere che hai trascorso una bella giornata! sono ingrassata solo a leggere!!!!:-))) un abbraccioneoneone

letizia ha detto...

Grazie Chiara ancora una volta per aver fatto tante ore di treno per passare una giornata insieme...parole verissime quelle della canzone di Cocciante....adesso che abbiamo scoperto il posto ritorneremo in una tiepida giornata autunnale e ci godremo ancora di più tutto.Un abbraccio strettissimo

Blueberry ha detto...

sai che la tua cenetta mi è piaciuta di più del pranzo? ;) sarà che non mangio carne??? ahaha :) un bacione!

CorradoT ha detto...

E brava la nostra reporter!!!
Chiara "viene da lontano" (geograficamente), "andra' lontano" (gastronomicamente).
Ciao Chiaretta, sei nei nostri cuori :)

san bernardo ha detto...

A prescindere dalla parte ' masticatoria ' di cui sei un'arteficie eccelssa , è possibile che in una girata corale di tante femmine , ci siano solo un paio di fotografe , per di più nascoste dalle loro scatole cinesi , e nemmeno una di panorama ? Una tavola imbandita con quello che avreste ...divorato... La BISTECCA ? d'accordo , PRIMA ! ma dopo ? con le ...belve attaccate all'osso ?....sono commenti da ...Santo....

Chiara ha detto...

@Aglaia : la prossima volta , sarai dei nostri ! vero ? un abbracioneoneone :-)))))))))
@Marcella : hai ragione su tutti i fronti : siamo state benissimo e ci si deve tornare !Un bacio
@Letizia : ....in una tiepida giornata autunnale :-)))))un saluto a Maurizio ;-)
@Blueberry: hai ragione Chiara , erano dei piatti veramente deliziosi . L'insalata di melone , feta , menta , buonissima !
@Corrado : ma grazie , mi commuovi ! grazie a te della compagnia e un caro saluto ad Annamaria .
@San Berny : il panorama eravamo noi ! come vedi , ti sei perso parecchio :-))))))))))) Baciotti

Emanuela ha detto...

Chiara, che bello ripensare a quella bellissima domenica attraverso le tue foto ed il tuo racconto! Grazie, per la piacevole compagnia e..per i km che fai per stare con noi!Un abbraccio, a presto

Monica ha detto...

Che bella giornataaaa . . . e che peccato non esser stata materialmente a far chiacchere e. . . . danni con voi , ma vi ho seguito con il pensiero!!!!
Molti baci cara chiaretta a presto!!!

alessandra ha detto...

Incantevole racconto, una bella compagnia una bella giornata.
L'ho seguita passo passo.
Baci Alessandra