giovedì 21 maggio 2009

L'asparago violetto di Albenga



Ciao Chiara,
che piacere aver cenato insieme a te, “creatrice” di "Tocco e tacchi”, in una veranda sulla spiaggia, con le luci dei lampioni intorno che si riflettevano sul mare e dal mare direttamente nei nostri piatti e anche nei nostri occhi,... dopo aver onorato un'ottima bottiglia di Gewurtzstraminer.
Questo posto così carino è il ristorante Panama di Alassio.
Ottimo menù e servizio molto curato e attento, grazie anche alla sapiente guida della gentile sig. Nuccia.
Sono sicura che il tuo reportage sulla cena - maghetta come sei nel fare foto - avrà successo sul tuo blog. Ma come mai tanto "sciaratto" per questa cena?
Perché proprio al ristorante Panama c'è ... ”lui”!!!
Il mio capolavoro,... il mio quadro "asparago violetto", in bella mostra, ben ambientato, proprio come si addice ad un quadro di tal valore!!!!
Ed ora - grazie a te - sarà anche inserito nel tuo blog .... insieme alla sua autrice, cioè....IO
Complimenti per il tuo estro.
Baci baci. Nicoletta
Tutto ha inizio dal corso di pittura che Nicoletta ha seguito questo inverno . A fine corso gli allievi , hanno realizzato opere con tema : L’asparago violetto d’Albenga . Eccellente prodotto presidio Slow food utilizzato per l’evento :" Otto Ristoranti - Quarantaquattro ricette sull'asparago violetto di Albenga " La foto del piatto fa parte del menù della serata : L'insalatina di asparago violetto con gamberi di Oneglia ed emulsione di olio extravergine .

Nico : tu che fai foto all’insalata , alle pentole , allo stoccafisso , ai pomodori , fai una foto ad un mazzetto di asparagi ? Mi serve per….
Ma si , io fotografo , tu fai il quadro che verrà esposto in uno dei ristoranti , ci faremo una cenetta con il violetto e pubblico anche un post .
… ma guarda da un asparago cosa ne è uscito fuori !
Per chi vuole sapere qualche notizia precisa , copio e incollo dal sito di SlowFood : "Inconfondibile, per i turioni molto grossi e per il colore viola intenso che gradatamente sfuma scendendo verso la base, l’asparago Violetto d’Albenga è una varietà unica al mondo. Il suo colore strano non dipende dalla tecnica di coltivazione, ma è legato al suo patrimonio genetico. E c’è una ragione scientifica che ne preserva la purezza: possedendo 40 cromosomi anziché 20 come tutti gli altri asparagi, il Violetto non può incrociarsi con altre varietà (i figli sarebbero sterili) e quindi non può imbastardirsi.
In California hanno tentato di brevettarlo e fior di agronomi hanno provato a coltivarlo in Nuova Zelanda, in Australia e negli Stati Uniti, ma con scarsissimi risultati.
I terreni alluvionali della Piana di Albenga, invece, sono perfetti: grazie al profondo strato sabbioso e limoso e al microclima. Eppure, in Liguria, questa varietà, che negli anni Trenta del Novecento era coltivata su più di 300 ettari, nel 2000 è scesa a meno di 10.
I contadini, infatti, si rivolgono a colture più redditizie e a produzioni con cicli più brevi, in modo da effettuare almeno due raccolti l’anno.
La coltivazione del Violetto è completamente manuale e la raccolta avviene da metà marzo ai primi di giugno……"








11 commenti:

Anonimo ha detto...

Stavo guardando le foto di Parigi, quando ad un tratto m'è apparso il piatto di gamberi ed asparagi !Stasera ho cenato con 1/2 kg di yogurt...immagina il commento del mio...stomachino !Belle foto, comunque. Livio.

Chiara ha detto...

@Livio: oggi io , pranzerò con un barattolo di yogurt . Cenetta e Gewurztraminer .... prova bikini alle porte ..... noooooooo , non se' po' fa'. Ma l'ho fatto e chi se ne frega ! ps . si può dire chi se ne frega in un blog "serio ?" Va beh ,sono stata molto bene , mi sono divertita e ....domani è un altro giorno .
Di yogurt appunto . Sigh!
ciaoooooooo

Anonimo ha detto...

Certo che a chiamarlo con il nome del component base...pinot nero...suona un pochino peggio...ma la cenetta....Livio

dada ha detto...

Solo per l'asparago e per queste foto vacanziere, soleggiate (managgia ;-) e la tua storia valeva la pena passare di qua. Grazie e a presto!

Anonimo ha detto...

Se Nicoletta è così , la Chiara , com'è ? Il cagnone curioso .

Chiara ha detto...

Grazie dada ! ti aspetto per il post di domani . Te lo dedico .

Chiara ha detto...

@il cagnone curioso : un po' di mistero aumenta la curiosità , basta non temere la verità ....
Era solo per la rima , in verità sono ...una fata !!!!!!!!

Anonimo ha detto...

A me piacciono le fate...San Bernardo

Chiara ha detto...

@ san ?!? berny ...grazie ! :-)

comidademama ha detto...

ma, vedo l'Isola di Bergeggi ho è un miraggio?

Chiara ha detto...

@ comidademamma : intanto grazie della visita ! scusa ma ho letto solo ora il tuo commento . L'isola che vedi è l'isola Gallinara , parco naturale per il suo ambiente incontaminato .Si trova fra Albenga ed Alassio . ciao ! chiara