venerdì 17 dicembre 2010

Bagels come a NewYork …. come a Parigi , come a Londra .



Mi sono sempre piaciuti questi soffici panini , portati in Nord America dagli ebrei aschenaziti dell’Europa orientale. Presenti anche in Europa , in città con importanti comunità ebraiche , il primo bagels che assaggiai fu molti anni fa a Parigi in rue de Rosiers .
Purtroppo , questa via , situata nel più famoso quartiere ebraico della città , nel corso degli anni , è cambiata molto . Di uomini con cappelli e cappotti rigorosamente neri , con i lunghi capelli ai lati del volto , se ne incontrano sempre meno , i turisti sono i nuovi “abitanti” della via . Peò alcuni negozi sono rimasti intatti , come i prodotti che vendono , pieni di storia e di cultura .
Poco tempo fa , sono ritornata in quella via , e nello stesso negozio , la pila di bagels mi ha nuovamente invitata ad entrare . Un motivo in più è stato il libro ” Bagels comme a New York “, comperato il giorno precedente , durante uno shopping compulsivo in libreria .
Ci sono molti modi per farcirli , ma quello con cream cheese e salmone affumicato è il più comune, e il mio preferito . Il gusto di quelli mangiati a N.Y , non lo ricordo quasi più , quello di Parigi era molto buono , ma quello gustato a Londra l'anno scorso , è stato il migliore . Forse per la sua storia : questa .
Avevo letto che il migliore bagel di Londra  si poteva trovare da Brick Line Bakery . Ora , non è che ho la bagels/mania , ma già che ero li..... Insomma mi sono messa in coda , ...subito dopo il ciclista , con tanto di bicicletta . Quando sono arrivata vicina al laboratorio , naturalmente non ho potuto fare a meno di sbirciare dentro . Da prima con discrezione , in seguito spudoratamente . La porta era completamente aperta e quindi vedevo agevolmente tutto quanto . A quanto pare , non guardavo solo io , ma anche i panettieri , che incuriositi dal mio sguardo ipnotizzato o forse sedotti da un mio sorriso , mi hanno invitata ad entrare ! Mi sono trovata nel bel mezzo di una produzione di bagels a dire poco impressionante . Si , perchè non era una produzione industriale , ma artigianale , ad una velocità ed in quantità veramente notevoli . Loro non parlavano una parola di italiano , (e ci mancava pure !) io con il mio inglese scolastico (e ho detto tutto ....!) abbiamo iniziato una “conversazione “ a gesti , degna della migliore tradizione partenopea . Ho seguito tutte le fasi di cottura , ho tastato la consistenza della pasta e sono stata omaggiata di un bagels appena sfornato . Ho ringraziato , salutato , fatto un altro sorriso e mi sono rimessa in coda per il mio bagels al salmone .
Ve lo devo dire ? Era buonissimo !

La ricetta è tratta dal libro .
Bagels
dosi x 10 pezzi
750 gr farina 0
1 cucchiaino da caffè di lievito di birra istantaneo
4 cucchiaini da caffè di sale
380 gr di acqua
2 ,5 cucchiai di malto liquido
30 gr olio evo
1 pizzico farina di mais
burro

3 litri acqua
1 cucchiaio di fecola di patate
1 cucchiaio di malto liquido
2 cucchiai di sale

Unire gli ingredienti liquidi a quelli solidi . Lavorare la pasta x 10' e formare 10 palline .
Appiattirle con il palmo delle mani , formare un rotolino di 25cm di lunghezza e formare i bagels.
Lasciare lievitare . Portare ad ebollizione l'acqua con gli altri ingredienti e immergere i bagels . Quando tornano in superficie , girarli , e cuocerli per altri 30'' . Disporli su una placca imburrata e cosparsa con la farina di mais. Cuocere in forno caldo a 215° x 20'/25' .









10 commenti:

letizia ha detto...

visto questo post non c'è dubbio .......dobbiamo andare anche a Londra.......

salamander ha detto...

adoro i bagels...quanti ne ho mangiati a new york!!!!
e che bello il racconto di londra....se farò un salto nel regno unito, di certo non mi farò mancare la tappa per un buon bagel :-)
un bacio bella!!!
ps: ma noi quando ci vediamo????? per i nostri compleanni?

carola ha detto...

che bello Chiara !! ti sei infilata anche in laboratorio, ahahah!!questa settimana abbiamo avuto un'idea in comune... la forma si avvicina..aspetta e vedrai....
ti aspetto domani!! baci

carola ha detto...

che bello Chiara !! ti sei infilata anche in laboratorio, ahahah!!questa settimana abbiamo avuto un'idea in comune... la forma si avvicina..aspetta e vedrai....
ti aspetto domani!! baci

Nene ha detto...

Anche io li ho mangiati in rue de rosiers :)
ti consiglio di provarli al diner breakfast in america vicino saint paul o nel mio preferito, Coffee Parisian in rue Princesse nel sesto :)

Davide ha detto...

buoni i bagel di Londra, io li mangiai a Covent Garden (salmone e cream cheese).
grazie per la ricetta, copio e incollo nel mio ricettario, mi sa che proverò presto a farli

pasqualina ha detto...

Che fantastica esperienza!
Sai che non li ho MAI mangiati?
Grazie per la ricetta, li provo al più presto!!!

Marcellagiorgio ha detto...

Sissi Londra sississi!!
Quando partiamo??
Ho un mercato gourmet assolutamente da vedere!!

Gio ha detto...

ma che bel post! ho letto con grande passione, uno acquisto il libro :) e due vado a Londra appena posso!
anch'io sono stato a rue de rosier e il bagel mi è piaciuto ma ora mi hai incuriosito troppo...

Babs ha detto...

chiara! parigi... londra... ma sei diventata internazionale!
come sono felice per te :)
ne approfitto per mandarti un grande abbraccio e augurarti
BUON NATALE!
a prestissimo!
b